Allenamento sotto la pioggia: i nostri consigli!

Novembre 22, 2019by redazione0
75388295_2663710350375554_3161910247065387008_n.jpg

La pioggia non è un ostacolo per l’allenamento. Anzi: una giornata piovosa può diventare l’occasione giusta per concentrarsi sulla tecnica e la forza: basta seguire i nostri consigli!

Piove, piove, piove. Sono giorni ormai che la pioggia cade incessantemente su Salerno e Provincia. E ovviamente anche sul nostro campo di Sant’Eustachio: ma noi non ci fermiamo! La pioggia non è un ostacolo per l’allenamento. Anche per i più piccoli, la pioggia non fa male: ciò che fa male è restare bagnati, fermi, al freddo perchè si rischia che il calore disperso superiore a quello prodotto e si abbassi la temperatura corporea. Questa condizione è difficile che si verifichi durante un allenamento perché il movimento aumenta il calore prodotto. Una giornata pioviosa può trasformarsi in una buona occasione per lavorare sulla forza e la tecnica. Le condizioni del terreno possono essere sfruttare per un lavoro sulla forza, soprattutto per i giocatori “più massicci”. Sui campi non troppo impantanati è inoltre possibile lavorare sulla tecnica, sfruttando proprio la scivolosità del terreno per migliorare la velocità di reazione, la capacità di adattamento e di equilibrio in situazione di difficoltà. Per allenarsi sotto la pioggia senza rischiare un malanno, dunque, è sufficiente seguire qualche semplice accorgimento.

1. Riscaldamento come si deve

Se piove forte, è meglio evitare di cominciare l’allenamento a freddo. Il nostro consiglio è di iniziare il riscaldamento al coperto per poi andare in campo già riscaldati. Il riscaldamento deve essere completo, perché con freddo, pioggia e vento il rischio di infortuni muscolari aumenta.

2. Scegliamo con cura l’abbigliamento

Utilizzare scaldamuscoli e maglie termiche permette di trattenere il calore prodotto dal corpo umano, evitandone la dispersione e mantenendo quindi il corpo più caldo. Man mano che la temperatura si abbassa possono tornare utili anche gli scaldacollo (utilizzabili in allenamento, ma vietati in partita), le calzamaglie, i cappellini (non quando piove, perchè si impregnano d’acqua, meglio il cappuccio di un k-way che è impermeabile) e i guanti. Un K-way impermeabile è sempre utile nei giorni di pioggia: riduce la quantità di acqua che arriva a contatto con i vestiti e quindi protegge il corpo.

3. Tutti sotto la doccia

A fine allenamento è fondamentale fare la doccia calda per riportare il corpo alla giusta temperatura. Una semplice doccia rimuove tutti i rischi di raffreddamento, riportando l’organismo alla temperatura ideale e azzerando il rischio di malattie da raffreddamento. Puoi giocare anche 90 minuti sotto pioggia, neve e vento, l’importante è che dopo fai una bella doccia calda!

redazione


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *