Club news Archivi - Polisportiva Locubia

Marzo 10, 2020
scuola-calcio-e1494487756961.jpg?fit=450%2C300

+++SOSPENSIONE DELLE ATTIVITÀ SPORTIVE FINO AL 3 APRILE+++
Alla luce delle recenti disposizioni governative, al fine di tutelare la salute di tutti i tesserati e impedire la diffusione del contagio da Covid-19, sono sospesi fino al 3 aprile gli allenamenti di tutte le squadre della scuola calcio ed anche l’affitto del campo di calcetto.

#iorestoacasa #amiamoilcalcio #polisportivalocubia #ilovelocubia


Gennaio 10, 2020
DSC_7803.jpg?fit=1200%2C800

Tornare in campo e riprendere gli allenamenti dopo le vacanze di Natale può essere un vero “trauma” per i calciatori grandi e piccoli: i consigli dei nostri Mister per ripartire alla grande! 

E’ ufficiale: Natale è ormai alla spalle. Dopo l’Epifania e con la ripresa della scuola, le festività natalizie possono dirsi definitivamente superate. Per i nostri piccoli calciatori, questo significa tornare in campo e riprendere gli allenamenti. Non per tutti, però è facile riprendere. Alcuni bambini fanno fatica a tornare alla “vecchia” routine della scuola e degli allenamenti e mostrano insofferenza nei confronti degli impegni o carenza di stimoli, dentro e fuori dal campo. Niente paura: è tutto normale! Per risolvere questo problema, i nostri Mister hanno sempre dei buoni consigli!  

Come riprendere l’allenamento dopo le vacanze

1) Anno nuovo, allenamento nuovo: prova esercizi diversi o mai fatti prima. Ad inizio anno, i nostri Mister propongono sempre allenamenti diversi per stimolare i piccoli calciatori e mantenere alta la loro motivazione.

2) Non bruciare le tappe: i muscoli devono riabituarsi e, se il tuo stop è stato maggiore di 3 settimane, consigliamo di “andarci piano”. Sarà quindi normale non riuscire ad avere la stessa velocità o resistenza di prima. Non forzare più del dovuto per evitare traumi muscolari.

3) Ricomincia a mangiare bene: durante le vacanze si tende a sgarrare. L’alimentazione quindi deve tornare ad essere giusta e salutare. Senza l’assunzione dei corretti cibi è più difficile anche l’allenamento e i risultati.

4) Bevi molta acqua: è importante non dimenticarsi di bere spesso durante la giornata. L’acqua aiuta anche il cervello a rimanere concentrato e pronto.

5) Cambia le tue giornate anche in altri ambiti: per non temere il rientro non bisogna ricadere nella routine. Ciò ti aiuterà a mantenere un atteggiamento più positivo e pronto ad affrontare il nuovo anno!


Gennaio 3, 2020
79951006_2733204850092770_3868670901151072256_n.jpg?fit=960%2C640

Riviviamo i momenti più belli ed emozionanti della Festa di Natale 2019 che ha coinvolto piccoli calciatori, genitori, parenti, amici e tutto lo staff della Polisportiva Locubia!

Mercoledì 18 Dicembre, a partire dalle ore 19, presso il Teatro Annabella Schiavone a Sant’Eustachio, a pochi metri dal nostro campo “24 Maggio 1999”, si è svolta la Festa di Natale 2019 della Polisportiva Locubia. Insieme ai piccoli calciatori ed alle loro famiglie, abbiamo ripercorso e rivissuto un anno fatto di sport, divertimento, fair play e tanta voglia di stare insieme. Tutte le nostre squadre, accompagnate dai loro Mister, sono salite sul palco per salutare i presenti, ringraziare coloro che ci hanno sostenuto durante il 2019 e augurare a tutti un sereno anno nuovo.

L’evento – presentato dal noto conduttore tv Gianni Novella – è stata animata da spettacoli comici per grandi e piccoli e, al termine delle attività tutti i piccoli calciatori hanno ricevuto un regalo da Babbo Natale in persona! Riviamo i momenti più emozionanti attraverso gli scatti del fotografo Guglielmo Gambardella.

80114213_2733203420092913_7993736008250163200_n
79782936_2733202443426344_6686065655147397120_n
80049005_2733203876759534_8832858612276658176_n
80005577_2733202786759643_7881429889134362624_n
79708623_2733203976759524_6483467636863664128_n
80900681_2733202053426383_696497249911308288_n
80662037_2733204710092784_4659877183576080384_n
80387893_2733205186759403_416545947208646656_n
80767085_2733205496759372_5065169629274439680_n
80516452_2733204856759436_611151731434192896_n
78863484_2733205383426050_760921059271639040_n
73090123_2733203750092880_7638189428552237056_n
80000127_2733202123426376_380295392438255616_n
79951006_2733204850092770_3868670901151072256_n
80606307_2733203870092868_3118536428905037824_n
80026026_2733203070092948_3807572216816599040_n
79791506_2733205486759373_6383086412840828928_n
80214280_2733202116759710_1472677709510344704_n
80036995_2733204493426139_7774501541519556608_n
80109073_2733205170092738_4734032933562613760_n
80558185_2733204716759450_7770025283653992448_n
79885713_2733203333426255_4348736116132675584_n
79928679_2733204190092836_7863474743993696256_n
80847701_2733202946759627_3251124014952742912_n
80690000_2733202056759716_8939119401714581504_n
80012993_2733202803426308_1623399991806525440_n
80586289_2733202940092961_2740961288363442176_n
79899895_2733205370092718_9170456789932572672_n
80004064_2733204120092843_2077155671651909632_n
80469528_2733203460092909_1003751097073926144_n
80495443_2733203570092898_7001955985757569024_n
81015320_2733202420093013_6370905937128980480_n
79644723_2733204270092828_8751479461737660416_n
80071323_2733202576759664_8107228908434227200_n
80189189_2733203586759563_507084094031527936_n
80116553_2733203166759605_3551221256894283776_n
79947825_2733204393426149_5470109105970479104_n
80467009_2733204506759471_1569364153557057536_n
80292770_2733204273426161_8247855818561552384_n
76793198_2733204403426148_460011939662135296_n
79726909_2733203043426284_3177485370438713344_n
79686793_2733203186759603_6871547760605134848_n
81158473_2733202586759663_3725046975729500160_n
80040378_2733204103426178_4489479784945942528_n
80345542_2733204196759502_2013750963541639168_n
79762714_2733202680092987_5806524269244448768_n
79540678_2733202673426321_538602230496886784_n
80364744_2733203963426192_496885238920642560_n
80868701_2733202290093026_7702270396443131904_n
79855924_2733203320092923_4176161710249345024_n
81114416_2733202273426361_317765255633567744_n
80384022_2733203726759549_8968416022180659200_n

Dicembre 20, 2019
80209697_2730300163716572_3337276179827654656_o.jpg?fit=960%2C639

Il 19 Dicembre si è svolta la XIII edizione della kermesse “Salerno Sport Day” organizzata da Salernitana Sporting: la Polisportiva Locubia si aggiudica il premio “Sport & Fair Play”.

Un importante riconoscimento per l’impegno a favore del fair-play nel calcio giovanile. In occasione della XIII edizione di “Sport & Fair Play”, la Polisportiva Locubia si è aggiudicata il premio “Sport & Fair Play”.  “E’ un piacere incontrare tanti esponenti di quelli che mi piace definire gli ‘sport migliori’ – il commento di Antonio Sanges, presidente della polisportiva Salernitana Sporting – Salerno continua a eccellere nello sport, ottenendo risultati lusinghieri a livello nazionale e internazionale, nonostante i problemi e questo è motivo di orgoglio per tutti. I grandi sacrifici di atleti, società e famiglie sono ripagati dai piazzamenti sul podio, ma devono costituire pure uno stimolo a cercare soluzioni per migliorare l’indice di sportività della nostra città.”

Salerno Sport Day: tutti i premiati

Due premi speciali, denominati “Sport&Centenario”, sono stati assegnati ad Aniello Aliberti (presidente della Salernitana nel campionato di Serie A stagione 1998/99) e Andrea Prete (presidente di Confindustria Salerno).

Conferiti, infine i premi Sport&Azienda a Nello Longobardi, Nello Renzullo, Franco Montuori, Fioravante Giacente, Enrico Gallozzi e Associazione Sportiva Dilettantistica Vitalica.

Sport&Victory a Rari Nantes Salerno.

Sport&Under20 a Roberto Spinelli, Giuseppe Gregorio, Pietro Iannicelli, Pier Paolo Parrella, Alessandro Mare e Asja Antonucci.

Sport&Professione a Maurizio Fasano, Domenico Pizzicara, Biagio Merola, Gaetano Chirico, Christian De Feo, Gioacchino Alfano, Luca Rossin e Sergio Garofalo.

Sport&Marketing a Rocco Papa, Jessica Vitolo, Marina Carascon, Giuseppe Alvigi, Maura Camisa e Guglielmo Gambardella.

Sport&Brand a Pro Salerno Calcio e Pallanuoto Salerno.

Sport&Passione a Donato Pessolano, Anna Chiara Contesimo, Miryam Aliberti, Enzo Autuori e Sergio Giordano.

Sport&Vivaio a Camilla Fimiani e Giuseppe De Martino.

Sport&FairPlay a Asd Locubia e Associazione autismo “chi si ferma è perduto”.

Sport&Running ad Annamaria Cosentino, Franco Opromolla, Julia Jakubel, Renato Lamberti, Mauro Russo, Alessandro Amantea, Prisco d’Arco e Carmine Luce.


Dicembre 13, 2019
l0_tml1841116985089_367283950805_1575036258883103.jpg?fit=1024%2C576

I 20 club di Serie A hanno firmato una lettera aperta per sensibilizzare i tifosi, soprattutto i più giovani, sulla problematica del razzismo nel calcio: uniti si vince!

Una lettera aperta “a chi ama il calcio italiano” per dire basta al razzismo e lanciare un messaggio forte. I 20 club di Serie A, dopo un confronto con Lega, Figc ed esperti internazionali, hanno deciso di rimboccarsi le maniche e schierarsi attivamente contro la piaga del razzismo pubblicando un testo condiviso sul proprio sito internet e sui social network. Noi della Polisposrtiva Locubia siamo contrari ad ogni forma di razzismo e vogliamo condividere questo importante messaggio lanciato da società ben più grandi di noi: fuori e dentro dal campo, il razzismo può essere “sconfitto” solo se tutti facciamo squadra insieme!

La lettera delle squadre di Serie A contro il razzismo

Dobbiamo riconoscere che abbiamo un serio problema con il razzismo negli stadi italiani e che non l’abbiamo combattuto a sufficienza nel corso di questi anni. Anche in questa stagione, le immagini del nostro calcio, in cui alcuni giocatori sono stati vittime di insulti razzisti, hanno fatto il giro del mondo, scatenando ovunque dibattito. È motivo di frustrazione e vergogna per tutti noi. Nel calcio, così come nella vita, nessuno dovrebbe mai subire insulti di natura razzista. Non possiamo più restare passivi e aspettare che tutto questo svanisca. Su spinta degli stessi club, nelle ultime settimane, è stato avviato un confronto costruttivo con Lega Serie A, Figc ed esperti internazionali su come affrontare e sradicare questo problema dal mondo del calcio. Noi, i club che sottoscrivono questa lettera, siamo uniti dal desiderio di seri cambiamenti e la Lega Serie A ha dichiarato la sua intenzione di guidare questo percorso attraverso una solida e completa politica anti-razzismo in Serie A, con nuove leggi e regolamenti più severi, assieme a un piano di sensibilizzazione mirato per tutti coloro che sono coinvolti in questo sport riguardo al flagello del razzismo. Non abbiamo più tempo da perdere. Dobbiamo agire uniti con rapidità e determinazione, e così faremo di qui in avanti. Ora più che mai il contributo e il sostegno di tutti voi, tifosi dei nostri club e del calcio italiano, sarà fondamentale in questo sforzo di vitale importanza.

In fede

Atalanta, Bologna, Brescia, Cagliari, Fiorentina, Genoa, Hellas Verona, FC Internazionale, Juventus, Lazio, Lecce, AC Milan, Napoli, Parma, AS Roma, Sampdoria, Sassuolo, SPAL, Torino, Udinese.


Dicembre 6, 2019
Calendario-torneo-24-maggio-1.png?fit=560%2C315

Lo staff della Polisportiva Locubia è lieto di invitare tutti i piccoli calciatori e le loro famiglie alla festa di Natale 2019 che si svolgerà mercoledì 18 Dicembre a partire dalle 0re 19 presso il Teatro Annabella Schiavone

Il countdown per Natale è ufficialmente iniziato. Per entrare appieno nell’atmosfera natalizia, lo staff della Polisportiva Locubia ha già organizzato la festa di Natale. Ed è felice di invitare tutti i piccoli calciatori, le loro mamme e papà, le famiglie e a tutti gli appassionati che, tra partite e allenamenti, ci sostengono ogni giorno con passione e affetto. L’appuntamento è per mercoledì 18 Dicembre, a partire dalle ore 19, presso il Teatro Annabella Schiavone  a Sant’Eustachio, a pochi metri dal nostro campo “24 Maggio 1999”.

Ci sarà da divertirsi: la festa sarà animata da spettacoli comici per grandi e piccoli e, al termine della serata, tutti i piccoli calciatori riceveranno un regalo da Babbo Natale in persona! Prevista anche una ricca e salutare merenda per tutti i presenti: vi aspettiamo!

Tenete sempre d’occhio i nostri social per essere aggiornati su tutte le nostre attività!


Novembre 29, 2019
76680865_2663710467042209_7382778950503628800_n.jpg?fit=960%2C640

La Uefa ha stanziato per il periodo 2019/2020 oltre 4,76 milioni per sostenere progetti e attività nel settore del calcio giovanile: saranno coinvolti 100 milioni di bambini in Europa ed Africa.

Più fondi per il calcio giovanile. La Uefa ha stanziato quasi 5 milioni di dollari in favore di progetti e attività per avvicinare i bambini al mondo del calcio. La UEFA – Union of European Football Associations (in italiano: Unione delle associazioni calcistiche europee) – è l’organo amministrativo, organizzativo e di controllo del calcio europeo con sede a Nyon (Svizzera). Nell’ultimo consiglio direttivo, riunitosi sotto la gestione del numero 1 del calcio europeo Alexander Čeferin, l’organismo ha stanziato un budget per il periodo 2019/2020 di oltre 4,76 milioni di euro. Questi fondi saranno destinati ad attività di promozione per il settore giovanile in Sicilia, Spagna meridionale e Grecia. L’obiettivo è aiutare concretamente i bambini, avvicinandoli attraverso lo sport e il calcio, ai settori della salute, dell’istruzione, dell’accesso allo sport, dello sviluppo personale, dell’integrazione e della difesa dei diritti.

Grazie all’impegno della Uefa, i bambini e le loro famiglie possono beneficiare degli effetti positivi che il calcio può avere a livello sociale. L’Unione delle associazioni calcistiche europee, infine, collabora attivamente con le Nazioni Unite al fine di dare speranza a migliaia di bambini in Europa e nel mondo.

 


Novembre 22, 2019
75388295_2663710350375554_3161910247065387008_n.jpg?fit=960%2C640

La pioggia non è un ostacolo per l’allenamento. Anzi: una giornata piovosa può diventare l’occasione giusta per concentrarsi sulla tecnica e la forza: basta seguire i nostri consigli!

Piove, piove, piove. Sono giorni ormai che la pioggia cade incessantemente su Salerno e Provincia. E ovviamente anche sul nostro campo di Sant’Eustachio: ma noi non ci fermiamo! La pioggia non è un ostacolo per l’allenamento. Anche per i più piccoli, la pioggia non fa male: ciò che fa male è restare bagnati, fermi, al freddo perchè si rischia che il calore disperso superiore a quello prodotto e si abbassi la temperatura corporea. Questa condizione è difficile che si verifichi durante un allenamento perché il movimento aumenta il calore prodotto. Una giornata pioviosa può trasformarsi in una buona occasione per lavorare sulla forza e la tecnica. Le condizioni del terreno possono essere sfruttare per un lavoro sulla forza, soprattutto per i giocatori “più massicci”. Sui campi non troppo impantanati è inoltre possibile lavorare sulla tecnica, sfruttando proprio la scivolosità del terreno per migliorare la velocità di reazione, la capacità di adattamento e di equilibrio in situazione di difficoltà. Per allenarsi sotto la pioggia senza rischiare un malanno, dunque, è sufficiente seguire qualche semplice accorgimento.

1. Riscaldamento come si deve

Se piove forte, è meglio evitare di cominciare l’allenamento a freddo. Il nostro consiglio è di iniziare il riscaldamento al coperto per poi andare in campo già riscaldati. Il riscaldamento deve essere completo, perché con freddo, pioggia e vento il rischio di infortuni muscolari aumenta.

2. Scegliamo con cura l’abbigliamento

Utilizzare scaldamuscoli e maglie termiche permette di trattenere il calore prodotto dal corpo umano, evitandone la dispersione e mantenendo quindi il corpo più caldo. Man mano che la temperatura si abbassa possono tornare utili anche gli scaldacollo (utilizzabili in allenamento, ma vietati in partita), le calzamaglie, i cappellini (non quando piove, perchè si impregnano d’acqua, meglio il cappuccio di un k-way che è impermeabile) e i guanti. Un K-way impermeabile è sempre utile nei giorni di pioggia: riduce la quantità di acqua che arriva a contatto con i vestiti e quindi protegge il corpo.

3. Tutti sotto la doccia

A fine allenamento è fondamentale fare la doccia calda per riportare il corpo alla giusta temperatura. Una semplice doccia rimuove tutti i rischi di raffreddamento, riportando l’organismo alla temperatura ideale e azzerando il rischio di malattie da raffreddamento. Puoi giocare anche 90 minuti sotto pioggia, neve e vento, l’importante è che dopo fai una bella doccia calda!


Novembre 15, 2019
887557_10153286642273831_6512637933032487370_o.jpg?fit=1200%2C800

La sosta della Seria A è una buona occasione per approfondire la nostra consocenza della Nazionale e scoprire qualche cuoriosità: ad esempio, vi siete mai chiesti perchè la maglia dell’Italia è azzurra?

La Nazionale è la squadra del cuore di tutti. Al di là del club calcistico per il quale si fa il tifo, ogni appassionato di calcio segue le partite degli Azzurri con passione e coinvolgimento emotivo. In pochi, però, conoscono la storia della Nazionale Italiana di calcio e perfino della sua divisa: vi siete mai chiesti, ad esempio, perché gli “Azzurri” sono proprio “azzurri”? Ossia, qual’è il motivo per il quale la maglia della Nazionale ha questo particolare colore che non figura neppure nella bandiera del nostro Paese?

La risposta a questa domanda affonda le sue radici nella storia della Nazionale Italiana di Calcio. La prima maglia indossata dalla nazionale italiana nell’esordio assoluto con la Francia del 15 maggio 1910 era di colore bianco. Tale scelta fu semplicemente dovuta al fatto che non si era raggiunto ancora l’accordo sulla divisa ufficiale, e dunque si decise di non colorarla lasciandola bianca.  Dopo due partite, in occasione di un’amichevole con l’Ungheria disputata a Milano il 6 gennaio 1911 la tenuta bianca venne sostituita da quella azzurra: la scelta era dovuta al fatto che l’azzurro è il colore dello stendardo della casa reale dei Savoia. La divisa prevedeva in abbinamento pantaloncini bianchi e calzettoni neri (col tempo anche questi ultimi diverranno azzurri). È molto diffusa la leggenda secondo cui le divise italiane dei primi decenni fossero di una tonalità di azzurro molto chiara, più vicina al celeste. In realtà, le maglie della nazionale sono state fin dagli esordi azzurre o blu: questo “falso storico” deriva dalle copertine acquerellate che La Domenica del Corriere dedicava alla squadra (le poche immagini a colori all’epoca disponibili), in cui le maglie venivano rappresentate con un celeste molto chiaro.

Durante gli anni ’30 l’Italia ha vissuto anche una breve parentesi con una divisa completamente nera, voluta dal regime fascista di Benito Mussolini. La divisa nera cadde nell’oblio dopo la caduta del regime; il solo colore, limitato a un inserto sulla manica sinistra, ritornò sulle maglie azzurre all’indomani della tragedia di Superga quando tutte le rappresentative nazionali, in memoria del Grande Torino, scesero in campo per un anno intero col lutto al braccio “compreso” nella divisa: non si trattava infatti di una fascia, ma di una vera e propria diversa colorazione nella trama azzurra. Per quanto riguarda le maglie dei portieri, le prime divise erano di colore nero; successivamente dagli anni 1950 in poi sono state pressoché stabilmente di tonalità grigia con il colletto e i polsi blu, a partire dagli anni 1980 le maglie erano di una tonalità metallica vicina all’argento, con piccole modifiche legate alle variazioni stilistiche degli sponsor tecnici (ad esempio, la maglia del 1994 aveva le maniche rosse, bianche e blu con disegni zigzag). Solo a partire dalla metà degli anni 1990 hanno assunto altre colorazioni, generalmente rosso o verde, adattandosi anche qui allo stile dello sponsor tecnico.

La maglia della nazionale ha visto anche delle varianti cromatiche nel corso della sua storia. Nel 1950 la nazionale B disputò un’amichevole contro l’Inghilterra B indossando, per un’unica volta, una divisa azzurra con fascia bianca, e numeri neri sulla schiena. Sempre negli anni 1950 la Nazionale giovanile scendeva in campo con una maglia verde, colore scelto proprio quest’anno per la terza divisa della Nazionale Maggiore. Una curiosità: nel 1994 l’Under-21, a causa di un disguido tecnico, giocò contro la Croazia indossando una maglia rossa: era in realtà la seconda maglia della squadra locale!

 


Novembre 8, 2019
72467466_2586929981386925_2739310354474467328_n.jpg?fit=960%2C640

Il caso di Mario Balotelli a Verona è l’ennesimo campanello di allarme: dobbiamo dire no al razzismo in tutte le sue forme e impergnarci per educare al rispetto (dentro e fuori dal campo) fin da piccoli!

Ancora un episodio di razzismo negli stadi italiani. Domenica scorsa, la partita Verona-Brescia è stata interrotta per tre minuti dopo che Mario Balotelli ha scagliato il pallone sugli spalti e ha minacciato di andarsene dal campo, a causa degli ululati indirizzatigli da un settore dello stadio Bentegodi. L’attaccante, che insisteva per lasciare il campo, è stato abbracciato da compagni e avversari. L’arbitro Mariani, che ha parlato con Balotelli, ha chiesto che lo speaker facesse l’annuncio di possibile sospensione del match. Il match è stato sospeso per tre minuti.

Molti calciatori, sportivi e personaggi pubblici hanno espresso nelle scorse ore solidarietà a Mario Balotelli. Una delle prese di posizione più dure contro il razzismo negli stadi è arrivata dalla Roma. Tramite il suo account twitter ufficiale, la società giallorossa ha manifestato la propria vicinanza al capitano del Brescia e condannato ogni forma di discriminazione etnica o razziale. “La Roma si schiera al fianco di Mario Balotelli per gli insulti razzisti di domenica. Che siano 20 o 2000 persone, il razzismo è inaccettabile. È ora di scegliere da che parte stare, tra chi è pronto a opporsi al razzismo e chi gli permetterà di distruggere il gioco che amiamo”. Anche noi della Polisposrtiva Locubia siamo contrari ad ogni forma di razzismo e vogliamo esprimere la nostra solidarietà a Balotelli e alle decine di bambini, bambine, ragazzi e ragazze che ancora oggi purtroppo sono vittime di discriminazione dentro e fuori dagli stadi. Il calcio è di tutti, a prescindere dal colore della pelle o dalla religione: giocare insieme è bello e divertente!