Piccola guida per la manutenzione delle scarpe da calcio - Polisportiva Locubia

giugno 8, 2018by redazione0
DSC_6346-1280x1920.jpg

Che sia a livello amatoriale oppure professionistico, chi pratica calcio non può non prendersi cura delle proprie scarpe. Una corretta manutenzione degli “scarpini”, infatti, ne migliora le prestazioni ma, soprattutto, è essenziale per aumentarne la durata. Per avere scarpe performanti e dall’aspetto sempre nuovo, bastano pochi accorgimenti da mettere in atto fuori dal campo, nello spogliatoio e a casa: scopriamo quali!

 

Nello spogliatoio 

La prima operazione da effettuare, una volta terminato un allenamento o una partita, è quella di battere le scarpe una contro l’altra per fare in modo che gli eventuali residui di erba, terra o fango si stacchino dalla suola e dalla tomaia. Ciò vale soprattutto se si usano scarpe in pelle naturale: il fango, se lasciato ad asciugare sulla tomaia della scarpa, può provocare l’essiccamento del cuoio e, a lungo andare, causare tagli o spaccature. Prima di riporre le scarpe nel borsone, è quindi consigliabile sbarazzarsi subito del fango in eccesso e dare una pulizia sommaria alla tomaia con un semplice pezzo di stoffa umida.

 

A casa

Una volta giunti a casa, è necessario munirsi di una spazzola per scarpe (o anche di un vecchio spazzolino da denti) ed eliminare i restanti residui di erba, terra o fango sia dai tacchetti che dalla tomaia. Completata la spazzolatura, si può passare al lavaggio vero e proprio, utilizzando semplicemente una spugnetta imbevuta di acqua fredda o tiepida e, qualora lo sporco fosse davvero persistente, un po di sapone neutro. Mai utilizzare la lavatrice!

Completato il lavaggio, le scarpe vanno preasciugate con un panno e poi riempite di carta assorbente o di giornale per deumidificarne la parte interna. Se la tomaia delle scarpe da calcio è realizzata in pelle naturale, una volta terminato il lavaggio e la preasciugatura, è consigliabile spalmare del grasso sulla sua superfice: in commercio esistono diversi prodotti specifici, sia di originale animale che vegetale, che producono tra l’altro un ottimo effetto impermeabilizzante. Una volta completate queste operazioni, le scarpe vanno lasciate ad asciugare in un luogo fresco e asciutto, lontano dalla luce diretta del sole e/o dai termosifoni.

 

Un ultimo suggerimento

Le scarpe da calcio non vanno mai conservate all’interno di buste di plastica: gli eventuali residui di umidità, infatti, resterebbero intrappolati all’interno e manterrebbero la scarpa umida anche dopo diversi giorni, producendo tra l’altro un odore per nulla gradevole! Le scarpe da calcio vanno quindi conservate sempre all’interno delle loro scatole di cartone originali (che sono infatti dotate di fessure) o nel reparto inferiore del proprio borsone da calcio, accertandosi di lasciare la cerniera leggermente aperta per garantire un minimo di aereazione.

 

 

 

 

redazione


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *